Jesolo, risultati e sfide

Jesolo, risultati e sfide

di Sofia Luise

 

Quando alla fine dello scorso anno l’RTI di Destination Design, composta da Itur, Ideazione e Studiowiki, ha intrapreso il percorso di rinnovo della destinazione turistica Jesolo, ancora non si immaginavano le sfide che il 2020 avrebbe portato.

 

A marzo è scattato il lockdown, moltissime aziende hanno chiuso, altre si sono adoperate per lo smartworking. Ma tutti, proprio tutti, sono rimasti a casa, vivendo un clima di incertezza.

 

Per tutte le mete turistiche questo ha rappresentato una criticità importante, ma l’unico modo per oltrepassare un ostacolo è prendere una bella rincorsa e saltare. Fermarsi non è contemplato.

 

Ecco quindi che per Jesolo si è pensato prima di tutto ad una campagna da lanciare sui social, mandando un forte segnale di ottimismo, impegno, voglia di fare. E la comunità ha risposto benissimo: cittadini, amministrazione comunale, stakeholder e influencer locali hanno contribuito mettendo a disposizione la propria immagine per una causa comune. Attraverso l’hashtag #Herecomesthesun si è cercato di rilanciare la destinazione turistica durante un momento in cui tutto sembrava fermo, sfruttando il messaggio positivo della canzone dei Beatles, che invita alla resolienza attraverso le sue parole: “Ecco che arriva il sole / e dico che va tutto bene”.

 

La campagna #Herecomesthesun ha dimostrato la volontà comune del territorio jesolano di rialzarsi più forti di prima, mettendosi in gioco per dimostrare e raccontare il grande valore che la città e i suoi dintorni offrono – commenta Federico Alberto, Direttore Creativo di Studiowiki. “Abbiamo messo in campo una strategia di marketing territoriale atta a far risaltare gli elementi distintivi dell’offerta turistica e far scoprire peculiarità spesso inaspettate”.

 

L’obiettivo è quindi quello di comunicare la famosa “Beach city” in tutte le sue sfaccettature: un polo di design e architettura, una meta di divertimento con parchi a tema e una nightlife unica, grazie a ottimi ristoranti e cocktail bar, e ovviamente una località marittima splendida, con un lunghissimo litorale di sabbia finissima. Ma anche natura, percorsi per trekking e bicicletta, sport acquatici, tour organizzati per la meravigliosa laguna o per Venezia. Insomma, si tratta di valorizzare le unicità di Jesolo, che la rendono una destinazione in grado di soddisfare tutti i gusti.

 

Il lavoro svolto in questa direzione ha riguardato prima di tutto l’ideazione di una nuova brand, attraverso la creazione di un marchio innovativo, con colori che richiamano il territorio, ma soprattutto con la realizzazione di un nuovo portale, moderno e semplice da usare, integrato con il DMS regionale, utile per trovare a portata di click tutte le informazioni necessarie per soggiornare a Jesolo e scoprirne le meraviglie. Si tratta di un’opera imponente, in costante implementazione.

 

Ma l’impegno ha riguardato anche il lavoro di squadra, in sinergia con il Comune di Jesolo, lo IAT (Informazione e Accoglienza Turistica) e gli stakeholder locali. A giugno sono partiti i lavori per il restyling dell’Ufficio Informazione e Accoglienza turistica, che si sono conclusi a luglio, con il taglio del nastro da parte dell’Assessore Flavia Pastò. La collaborazione e la preparazione del personale dello IAT è stata, e sarà, un elemento fondamentale per fornire ai visitatori accoglienza, informazioni e gestire prenotazioni di tour ed esperienze.

 

L’ Operation Manager dello Iat, Mariapia Ceolotto, racconta i cambiamenti avvenuti in questo periodo: “C’è stato un cambiamento totale, che a un primo colpo d’occhio riguarda il restyling dello IAT, ma che a livello più profondo coinvolge l’intera organizzazione. Prima non avevamo un marchio definito, mentre ora c’è una brand solida, che si declina anche in una serie di gadget e prodotti di merchandising che il turista può portare con sé, un ricordo tangibile di Jesolo. Grazie ad una squadra forte siamo giunti a primi risultati molto positivi: una cosa che ci rende felici qui allo IAT è per esempio il fatto che i turisti abituali si complimentano per le novità adottate e il cambio di stile dell’Ufficio informazioni. Un bel biglietto da visita per la destinazione, che rimane impresso nella mente di chi ci visita”.

 

Ma il lavoro da fare è ancora molto, specialmente in termini di comunicazione del territorio e dellasicurezza che offre, tema particolarmente delicato in questo periodo.

La località rispetta tutti gli standard previsti di distanziamento in spiaggia, il personale addetto alla vigilanza è attivo e competente, la città sta tornando a vivere e respirare. E le sue meraviglie devono essere mostrate e raccontate. Altre azioni sono in corso come il rilascio graduale di video pillole che rivelano scorci di Jesolo e dei suoi dintorni, invitando a viverla visitandola, toccando con mano, assaggiando gusti particolari e immergendosi nel profumo dei pini e del mare. Il tutto per far tornare Jesolo forte com’è sempre stata, e anche di più.

 

Come ha commentato l’Assessore Flavia Pastò, “Durante quest’emergenza, la strategia di comunicazione ha instillato nelle persone un sentimento di attaccamento alla destinazione. Anche la campagna #Herecomesthesun è stata utile per far sentire la gente vicina e connessa alla propria realtà, sia per chi viene qui in vacanza che per chi ci vive. Questo piano strategico è stato fondamentale, e a mio avviso lo sarà sempre di più, perché rafforza il legame tra ospite e località, ma anche tra cittadino e località”.

 

Le sfide sono importanti, ma la volontà comune, il lavoro di squadra tra RTI e tutti i protagonisti del territorio jesolano e un piano di comunicazione solido, consentiranno di mostrare a tutti quanto Jesolo sia unica, una destinazione imperdibile per le vacanze, oggi e in futuro. La “City beach” torna a splendere.