Gioca con noi!

Il gioco per l’estate

 

Queste citazioni sono state raccolte da una persona esterna all’azienda.

Ogni citazione è stata privata del nome di chi l’ha proposta.

Prova ad associare, perché ci conosci o solo guardando le nostre foto, un volto alla relativa citazione.

Buon intuito!

 

Ah, un’ultima cosa. Hai tempo fino al primo settembre. Chi riuscirà ad associare correttamente più citazioni, indovinando la persona che l’ha proposta, potrà scegliere un’opera sul sitowww.unmanifestopergenova.itche gli verrà recapitata a casa.

 

 

Le citazioni

 

1. Beati gli smemorati perché avranno la meglio anche sugli errori

Friedrich Nietzsche

 

2. Non ho particolari talenti, sono solo appassionatamente curioso

Albert Einstein

3. “Cosa sono i mortali se non ombre anzitempo? […] Sono poveri vermi ma tutto fra loro è imprevisto e scoperta. […] nemmeno noialtri, sappiamo il fondo di quei cuori. C’è persino, tra loro, chi osa mettersi contro il destino. Soltanto vivendo con loro e per loro si gusta il sapore del mondo”.

Cesare Pavese, Dialoghi con Leucò

4. Preziosa e fragile | Instabile e precaria | Chiara e magnetica | Leggera come l’aria”

Viva la libertà, Jovanotti.

5. All’infuori del sole, dei baci e dei profumi selvaggi, tutto ci sembra futile.

Albert Camus

6. La vera scoperta non consiste nel trovare nuovi territori, ma nel vederli con nuovi occhi.

Marcel Proust

7. Ciò che noi sappiamo è che, in un modo non stereotipato, nessuno sa nulla. Non puoi sapere nulla. Le cose che sai… non le sai. Intenzioni? Motivi? Conseguenze? Significati? Tutto ciò che non sappiamo è stupefacente. Ancor più stupefacente è quello che crediamo di sapere. — Philip Roth, libro La macchia umana

8. Vi è un’età in cui si insegna ciò che si sa; ma poi ne viene un’altra in cui si insegna ciò che non si sa: questo si chiama cercare. Ora è forse l’età di un’altra esperienza: quella di disimparare, di lasciar lavorare l’imprevedibile rimaneggiamento che l’oblio impone alla sedimentazione delle cognizioni, delle culture, delle credenze che abbiamo attraversato

Questa esperienza ha, io credo, un nome illustre e fuori moda, che oserei assumere qui senza complessi, al crocevia stesso della sua etimologia: Sapientia, ovvero nessun potere, un po’ di sapere, un po’ di saggezza e quanto più sapore possibile

Roland Barthes – La citazione è tratta dalla lezione inaugurale del corso di Semiologia letteraria che Barthes tenne al Collège de France nel 1977. Fu poi pubblicato l’intero testo integrale in Leçon, Edition Du Seuil Paris 1989.

9. Perché la vita è un brivido che vola via. È tutto un equilibrio sopra la follia

Sally, Vasco Rossi

10. Le aziende che recintano i propri prodotti non fanno altro che ridurre la velocità dell’innovazione

Larry Page