INova n°32 – Un’analisi sulla parità di genere nel mondo delle PR

Un’analisi sulla parità di genere nel mondo delle PR

 

di Redazione

 

Global Women in PR Italia è un’associazione senza scopo di lucro, parte del network internazionale GWPR, che nasce per istituire un punto di riferimento e rappresentanza per i manager donna (quadri e dirigenti) che operano nel settore delle PR, della Comunicazione, del Public Affairs e dell’Advocacy, al fine di contribuire a incidere sulla cultura del valore nella diversità di genere.

GWPR Italia opera sul territorio dando vita a iniziative volte a stimolare lo sviluppo di progetti e contenuti di comunicazione, a stabilire relazioni con tutti gli stakeholder interessati a questa tematica, nell’ottica di diffondere maggiore consapevolezza sui valori e sul ruolo della diversità di genere.

L’associazione inoltre si impegna su temi legati al lavoro, con particolare attenzione agli ambiti della flessibilità, dei percorsi di carriera e della parità di retribuzione, per contribuire a sostenere prospettive e modalità più eque e meglio ridistribuite della partecipazione delle donne al mercato del lavoro.

GWPR pubblica annualmente l’Annual Index, un’analisi “unica” del panorama globale per le donne che lavorano nel mondo delle PR, realizzata in collaborazione con l’agenzia Opinium.

Questa 2° edizione dell’INDEX ha tra i suoi obiettivi comprendere e misurare i progressi verso la parità di genere e mira a far luce sullo squilibrio nel settore delle pubbliche relazioni a livello globale che, seppur composto per 2/3 da donne, vede una prevalenza maschile nelle posizioni di vertice (64%).

Focus importante del report è l’effetto che il Covid, e il conseguente smart working, ha avuto sulle donne nel mondo delle pubbliche relazioni, restituendo un quadro complesso. Sebbene, infatti, il 40% abbia constatato un aumento delle ore dedicate all’attività lavorativa, il 67% ha trovato nel lavoro flessibile la chiave per conciliare famiglia e lavoro, tanto che il 69% considera queste iniziative una discriminante importante nella scelta di lavorare per un’azienda rispetto ad un’altra.

In Italia, secondo il 70% dei rispondenti è proprio la mancanza di politiche lavorative a favore della famiglia ad impedire alle donne di raggiungere posizioni di alto livello, ritenute fondamentali per aiutarle a progredire nella loro carriera (52%).

La sensazione di stress durante una tipica giornata di lavoro è altamente diffusa (48%) e il 30% del campione ha dichiarato di arrivare a sentirsi sopraffatto. Nonostante queste evidenze, oltre tre quarti delle aziende non offrono iniziative di supporto psicologico sul posto di lavoro (contro una media internazionale del 35%).

Nel nostro Paese, ancora l’84% ritiene che occorra fare di più per garantire alle donne nel settore delle PR una maggiore presenza nelle posizioni di leadership, un dato alquanto significativo e punto di partenza necessario per lavorare insieme verso un cambiamento, in modo da ispirare sempre un maggior numero di donne e diffondere cultura sul valore della diversità di genere.

Per saperne di più e vedere il report: www.globalwpr.com e il sito italiano www.gwpr.it